FC ITALIA

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
2013-06-04

Serve la verifica metrologica?

Frequentemente si pensa che la necessità di una verifica metrologica di strumenti quali chiavi dinamometriche o manometri sia strettamente legata all'adempimento di un obbligo imposto da leggi, contratti o regolamenti e che riguardi solo e soltanto officine affiliate a reti ufficiali o comunque professionisti certificati.

Questo approccio costituisce una eccessiva semplificazione e pone le basi per un errato modo operativo ad una necessità che oggi, più che mai, riguarda non solo chi gestisce un'attività industriale, commerciale o artigianale, ma anche il comune appassionato che, a casa propria, esegue operazioni di montaggio, manutenzione o regolazione su impianti, veicoli o sistemi si qualunque genere.

A chi serve uno strumento di misura?

Oggi la tecnologia dei materiali e la produzione industriale permettono di produrre in grande serie oggetti caratterizzati da tolleranze di produzione ristrettissime, che richiedono adeguata precisione di montaggio anche nelle eventuali future opere di manutenzione. Il serraggio della bulloneria di un'auto o di una moto non possono più essere eseguiti "a braccio" come un tempo, soprattutto se ad eseguirlo non è un operatore più che esperto.

Ma anche un appassionato ciclista che esegua da solo operazioni di montaggio o manutenzione sul proprio mezzo sa quanto siano delicati i serraggi sui leggeri telai in fibra di carbonio o anche in alluminio in ragione delle sezioni resistenti sempre meno sovradimensionate. Un appassionato motociclista, che magari conduce il proprio mezzo anche in pista, sa bene quanto sia fondamentale, per le prestazioni ma anche per la sicurezza, una corretta regolazione della pressione degli pneumatici e quindi poter contare su un manometro affidabile durante questa operazione.

Tali considerazioni non si applicano solamente alla meccanica ma anche alle misure elettriche, basti pensare ai tecnici riparatori di elettrodomestici e/o chi per hobby si occupa personalmente della riparazione o realizzazione di piccoli apparecchi elettronici, che necessitano di un multimetro affidabile per le proprie necessità. Nel momento in cui ci si rende conto di non poter fare affidamento solo e soltanto sulla propria sensibilità, nasce spontanea la necessità di cercare una conferma in uno strumento di misura. Non tutti, per ora, hanno sviluppato una corretta sensibilità all'argomento, ma, anche quelli che hanno recepito la necessità di dotarsi di uno strumento che possa permettere di eseguire una determinata operazione con un riscontro oggettivo spesso credono che il problema si risolva al momento dell'acquisto dello strumento, ma non è sempre così..

Ma allora come possiamo ottenere valori attendibili?

Se dimenticate di riporre una chiave dinamometrica riportando la scala di taratura al suo minimo, ciò è sufficiente per provocare, col termpo, uno snervamento della molla di regolazione e quindi una perdita di precisione della stessa che, come conseguenza, porta ad eseguire serraggi con valori di coppia errati.

Ci si trova nelle condizioni, per esempio, di rischiare un serraggio eccessivo del perno ruota di una moto, con possibile danneggiamento dei cuscinetti, oppure potremmo rischiare di danneggiare un circuito idraulico per un'errata indicazione di un manometro, o ancora potremmo spendere soldi per ordinare un componente elettronico erroneamente giudicato mal funzionante. E questo non sono che tre banali esempi!

Confidare in uno strumento di misura che non sia sottoposto ad una periodica conferma metrologica è inutile e dannoso, perchè fornisce false e infondate sicurezze riguardo la precisione, più pericolose della consapevolezza di essere imprecisi!

Gli errori si pagano cari, nel caso di comuni appassionati e soprattutto nel mondo professionale.

Una semplice soluzione

Anche uno strumento economico può fornire sufficienti garanzie, a patto che periodicamente venga verificato e regolato in modo che gli scostamenti di misura rientrino entro limiti determinati che assicurino l'attendibilità della misura. Rivolgendovi ad un laboratorio debitamente attrezzato, sarà possibile ottenere a seguito della verifica, un Rapporto di Taratura o di Efficienza che può riportare, se richiesto, un tagliando inamovibile di scadenza della verifica, sarà così possibile in un colpo d'occhio riconoscere uno strumento controllato.

socialshare

share on facebook share on linkedin share on pinterest share on youtube share on twitter share on tumblr share on soceity6

Articoli correlati (da tag)

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo